Al giorno d'oggi l’email marketing è uno strumento indispensabile per ogni azienda. Infatti, con l’avvento di Internet e la sua diffusione su scala globale, non è più pensabile limitarsi solamente a strategie di marketing tradizionali. La vastità della rete rende sempre più difficile "emergere" dalla marea di offerte e raggiungere il pubblico. Ecco allora che la posta elettronica diventa un canale preferenziale in grado di collegare venditore e cliente.  

Vantaggi rispetto al marketing tradizionale e non solo

Rispetto al marketing cartaceo, l'email marketing piace alle aziende perché:
  1. È meno costoso
  2. È istantaneo, soprattutto se comparato alla posta cartacea: un email arriva in secondi o minuti
Nell'ambito del marketing online, invece, si distingue da un normale sito web perché:
  1. Permette al venditore di "spingere" il messaggio al pubblico, di indirizzarlo verso un determinato target, mentre un normale sito web “aspetta” che i visitatori lo raggiungano.
  2. Consente di stabilire una relazione "uno ad uno", cioè di personalizzare il messaggio in base al singolo destinatario che riceverà quella comunicazione specifica.
Infine, altre caratteristiche vantaggiose sono:
  1. Permettere di fare test, ad esempio per vedere quale tipo di messaggio produce migliori risultati.
  2. Aumentare la fedeltà del cliente, che viene costantemente aggiornato sulle attività dell’azienda.
  3. Promuovere il Word of Mouth, cioè il passaparola.
 

Come si imposta una campagna di Email Marketing

4 Fasi di una Campagna di Email Marketing secondo Axterisco In termini pratici, l’email marketing si traduce in campagne pubblicitarie, che possiamo articolare in 4 fasi:
  1. Creare un database di contatti
  1. Creare una messaggio (newsletter) professionale
  1. Inviare il suddetto messaggio
  1. Monitorare i risultati
La strategia da seguire dipende da diversi fattori, primi su tutti la tipologia di business in cui ci si trova e il target di potenziali clienti a cui ci si vuole rivolgere.  

L'importanza dei contatti

Giunti a questo punto, si arriva al primo punto della nostra lista, ovvero la creazione di un database di contatti. Molte aziende - soprattutto all'inizio della propria attività - danno molta importanza alla quantità degli indirizzi raccolti, piuttosto che alla qualità. E questo è un errore. I contatti, infatti, devono essere persone realmente interessate alle offerte che ricevono. Cento utenti incuriositi che ricevono, leggono e interagiscono con un email valgono molto di più di 1000 utenti disinteressati. Un modo semplice per ottenere contatti di qualità è inserire nel sito aziendale uno o più form d'iscrizione, per abbonarsi alla newsletter. È importante che tale form sia bene in vista e che richieda l’inserimento di tutte le informazioni utili. Ad esempio sesso, età e occupazione degli iscritti possono permettere di inviare loro comunicazioni mirate (o targhettizate). Un altro metodo per essere sicuri di avere dei contatti interessati è il cosiddetto double-opt-in. In pratica consiste nell'invio - a ogni utente che si è iscritto alla newsletter - di un’email in cui si chiede di confermare la propria iscrizione, cliccando su un link. Il vantaggio di questo metodo è doppio: da un lato si è sicuri che tale contatto sia interessato, dall'altro si ottiene il consenso esplicito all'invio di comunicazioni commerciali.  

Problema: come distinguersi dalla massa?

La Chiave per Distinguersi nel mondo dell'Email Marketing è la Qualità Negli ultimi anni l’utilizzo sovrabbondante di comunicazioni elettroniche da parte delle società commerciali ha portato a fenomeni di rigetto da parte degli utenti (la famosa posta indesiderata o spam). In risposta, l’evoluzione recente dell’email advertising si sta concentrando sempre di più sulla qualità del messaggio, rispetto alla quantità. Per aumentare la qualità della comunicazione un metodo molto efficace è quello di inserire un coupon all'interno della email. Il buono d’acquisto, infatti, permette di:
  1. Attirare nuovi clienti grazie all'offerta economicamente vantaggiosa.
  2. Lanciare nuovi prodotti.
  3. Movimentare prodotti che hanno poco mercato.
  4. Ottenere informazioni utili, analizzando i risultati in base ai dati di riscossione dei coupon.
  5. Fidelizzare i vecchi clienti, elevando il loro grado di soddisfazione.
Per avere un’idea pratica di come approcciarsi al mondo del marketing via email e approfondire in particolare quest’ultimo aspetto dell’utilizzo di coupon è possibile consultare questa infografica: http://www.economyup.it/upload/images/03_2014/ecommerce-commercio-marketing-140311183532.jpg   Un'opportunità da non perdere L'email marketing è, per chi fa business, un alleato preziosissimo per avere successo nel mercato digitale. E tu, pensi di aver capito come funziona? Oppure hai dei dubbi e necessiti di chiarimenti? Non esitare a contattarci, siamo qui per aiutarti a sviluppare tutte le tue potenzialità. Perché ricorda: come tutte le storie d’amore, anche quella tra un negoziante e i suoi clienti può nascere da un semplice invito.