Da qualche tempo, ci siamo messi alle spalle i mesi più complessi e duri dell’emergenza Coronavirus e del relativo periodo di lockdown. Un'idea sui mesi appena trascorsi e sulla loro influenza sul mondo digital ce la restituisce la ricerca condotta da Audiweb sulla Total Digital Audience italiana, una stima totale dell'attività online degli utenti online attraverso computer e device mobili (smartphone e tablet).

Da questo recente studio si evince nel mese di aprile 2020 l’Internet Audience ha raggiunto i 44,1 milioni di utenti unici mensili, registrando un +4,8% rispetto alla media del mese di febbraio.

Ad aprile, il tempo speso online per persona nel giorno medio ha registrato le 4 ore e 38 minuti, generato principalmente da Smartphone (l’80% del tempo complessivo trascorso online), ma con un ulteriore aumento del tempo speso per persona da Computer (+25,5% rispetto a febbraio e +8,2% rispetto a marzo). Un ulteriore riprova del consolidamento nelle abitudini degli italiani nell’uso di questo dispositivo da parte degli italiani.

Scendendo nel dettaglio, troviamo altre curiosità anche sull’identità dei fruitori italiani del World Wide Web: aumentano del +132,8% i 2-12enni online nel giorno medio da Computer e del 94,8% i 13-17enni (339 mila).

Un dato che fotografa un aumento esponenziale delle fasce d’età più giovani, chiaramente sostenuto dall’esigenza di fruizione di contenuti digitali a servizio della didattica online, un sostegno fondamentale, in questi mesi di isolamento volontario, sia per gli insegnanti che per gli studenti italiani.

I siti web più visitati

Per quanto riguarda le categorie di siti più visitati, i dati segnano un quadro generale di leggera flessione rispetto al boom registrato a marzo, segnale inequivocabile di un progressivo ritorno alla normalità.

Alcune abitudini sembrano, però, consolidarsi ancora di più, come quelle legate alle necessità di lavorare, studiare e comunicare da casa, con una crescita dei servizi di educazione e studio a distanza del 2,4% in termini di utenti unici.

Per quanto riguarda i siti di e-commerce, i dati risultano stazionari (-1,9% rispetto a marzo), anche se si registra un aumenta del tempo speso per persona (+9,9%). Queste evidenze descrivono una duplice realtà: da un lato i siti per la spesa online calano pur restando su livelli di audience ben più alti rispetto ai mesi pre-quarantena, dall’altro i siti “non food” (come quelli relativi all’elettronica di consumo) continuano la loro crescita.

In conclusione…

La previsione che possiamo formulare per i prossimi mesi rivela un forte cambiamento delle azioni dei consumatori, orientate sempre di più verso le abitudini acquisite durante il periodo di isolamento forzato appena concluso.

Tutte queste informazioni sono fondamentali per chi è in procinto di portare online il proprio business, soprattutto per tutti coloro che già possiedono piattaforme online come siti, e-commerce o blog.

Noi di Axterisco siamo qui per questo! Scopri cosa possiamo fare per il tuo business.